Ultim'ora

Treni merci da Mortara alla volta della Cina. Cosa avevamo detto? Dopo il clamore il nulla

Profeti in patria? Troppo bello per sentirsi soddisfatti, troppo pavesi per non essere arrabbiati, delusi, sistematicamente delusi. Di treni da Mortara alla volta della Cina… ne è partito uno e uno solo, come le soluzioni di un’equazione di primo grado. Non ci sono i termini, non  c’è convenienza, non ci sono i numeri per viaggiare lungo la Transiberiana con una trentina di vagoni. Là i treni sono lunghi 3 km e portano decine di migliaia di tonnellate di merci: valgono quanto un paio di navi porta container per velocità e tempi di consegna. Lo sanno benissimo i russi, ma anche i tedeschi e gli olandesi, che usano la ferrovia veloce come una vera direttissima. Ma quelli hanno cose da consegnare, merci vendute, non proclami da editare, specialmente su un tabloid locale ad uso e consumo pressoché personale. Ora che si fa? Certo non si indietreggia, ma qualcosa dovrà pur essere modificato, dopo spavalde elaborazioni e ancor più ampie aspettative. Sintesi dei motivi e ampiezza di vedute, quello serve per capire se la rotaia è possibile.

193 Total Views 1 Views Today