Ultim'ora

La Commissione europea interviene per vietare le pratiche commerciali sleali nella filiera alimentare

Bruxelles, 12 aprile 2018

La Commissione intende combattere le pratiche commerciali sleali più dannose per dare maggiore certezza agli agricoltori e alle piccole e medie imprese e fare in modo che abbiano meno necessità di gestire rischi su cui possono esercitare un controllo minimo o nullo.

La Commissione propone oggi di vietare le pratiche commerciali sleali più dannose nella filiera alimentare per garantire un trattamento più equo alle piccole e medie imprese agroalimentari. La proposta include anche disposizioni volte ad assicurare l’effettivo rispetto delle norme: le autorità nazionali possono imporre sanzioni in caso di violazioni.

I piccoli operatori della filiera alimentare, compresi gli agricoltori, sono vulnerabili di fronte alle pratiche commerciali sleali applicate dai partner nella filiera. Spesso non dispongono di potere contrattuale né di alternative per far arrivare i loro prodotti ai consumatori.

Jyrki Katainen, Vicepresidente e Commissario responsabile per l’Occupazione, la crescita, gli investimenti e la competitività, ha dichiarato: “Nella filiera alimentare vi sono squilibri nel potere contrattuale. Con questa proposta la Commissione intende combattere con fermezza le pratiche commerciali sleali, che compromettono la vitalità economica degli operatori. Stabilendo standard minimi e rafforzando l’attuazione delle norme, la proposta dovrebbe consentire agli operatori di competere su un piano di parità, contribuendo così all’efficienza complessiva della filiera. Si tratta di una chiara affermazione della volontà di rendere più eque le pratiche commerciali.”

Phil Hogan, Commissario per l’Agricoltura e lo sviluppo rurale, ha dichiarato: “Qualsiasi catena è forte solo quanto il suo anello più debole: per essere equa una filiera alimentare deve essere efficiente ed efficace. La proposta presentata oggi intende essenzialmente garantire l’equità, dando voce a coloro che non he hanno, a coloro che senza averne colpa si trovano a subire una posizione negoziale più debole. L’iniziativa odierna volta a vietare le pratiche commerciali sleali mira a rafforzare la posizione dei produttori e delle PMI nella filiera alimentare. L’iniziativa intende inoltre garantire una solida ed efficace applicazione delle norme. Intendiamo eliminare il «fattore paura» dalla filiera alimentare grazie a una procedura di denuncia riservata.”

Le pratiche commerciali sleali da vietare sono i pagamenti tardivi per i prodotti alimentari deperibili, la cancellazione degli ordini all’ultimo minuto, le modifiche unilaterali o retroattive ai contratti e l’obbligo imposto al fornitore di pagare per gli sprechi. Altre pratiche saranno autorizzate solo se soggette a un accordo iniziale tra le parti chiaro e privo di ambiguità: l’acquirente restituisce a un fornitore i prodotti alimentari invenduti; l’acquirente impone al fornitore un pagamento per garantire o mantenere un accordo di fornitura relativo a prodotti alimentari; il fornitore è tenuto a sostenere i costi legati alla promozione o al marketing dei prodotti alimentari venduti dall’acquirente.

La proposta della Commissione impone agli Stati membri di designare un’autorità pubblica responsabile di garantire l’applicazione delle nuove norme. In caso di accertata violazione, l’organo responsabile sarà competente per imporre una sanzione proporzionata e dissuasiva. Tale autorità avrà la facoltà di avviare indagini di propria iniziativa o a seguito di una denuncia. In tal caso, le parti che presentano la denuncia sono autorizzate a richiedere la riservatezza e l’anonimato al fine di proteggere la loro posizione nei confronti del partner commerciale. La Commissione istituirà un meccanismo di coordinamento fra le autorità incaricate di garantire l’applicazione delle norme per consentire lo scambio di migliori prassi.

Le misure proposte integrano quelle esistenti negli Stati membri e il codice di condotta volontario della Supply Chain Initiative. Gli Stati membri possono adottare le ulteriori misure ritenute utili.

La proposta della Commissione, relativa a un atto legislativo europeo (direttiva), sarà trasmessa, unitamente a una valutazione d’impatto, ai due colegislatori: il Parlamento europeo e il Consiglio, in cui sono rappresentati i governi degli Stati membri.

Contesto

Nel suo programma di lavoro per il 2018, la Commissione annuncia l’intenzione di proporre misure per migliorare il funzionamento della filiera alimentare al fine di aiutare gli agricoltori a rafforzare la loro posizione sul mercato e di contribuire a proteggerli da crisi future.

L’iniziativa fa seguito ai riferimenti alla filiera alimentare nei discorsi del presidente Juncker sullo stato dell’Unione del 2015 e del 2016 ed è una risposta politica alla risoluzione del Parlamento europeo adottata nel giugno 2016, che invita la Commissione europea a presentare una proposta relativa a un quadro dell’UE per quanto riguarda le pratiche commerciali sleali. Inoltre, nel dicembre 2016, il Consiglio ha esortato la Commissione a effettuare una valutazione d’impatto al fine di proporre un quadro normativo dell’UE o altre misure non legislative volte a combattere le pratiche commerciali sleali.

Fin dall’inizio del suo mandato la Commissione si è adoperata a favore di una filiera alimentare più equa ed equilibrata. Nel 2016 abbiamo istituito la task force per i mercati agricoli (AMTF) per esaminare il ruolo degli agricoltori nel contesto più ampio della filiera alimentare e formulare raccomandazioni su come rafforzarlo. Sulla scorta di tali raccomandazioni, nel 2017 la Commissione ha avviato una valutazione d’impatto iniziale e una consultazione pubblica sul miglioramento della filiera alimentare, che a loro volta hanno consentito di individuare le pratiche commerciali sleali specifiche disciplinate dalla direttiva. Un recente sondaggio d’opinione a livello dell’UE pubblicato nel febbraio del 2018 mostra che una grande maggioranza dei partecipanti (88%) ritiene importante rafforzare il ruolo degli agricoltori nella filiera alimentare. Il 96% dei partecipanti alla consultazione pubblica del 2017 sulla modernizzazione della PAC si è dichiarato d’accordo con la proposta di includere tra gli obiettivi della politica agricola comune il miglioramento della posizione degli agricoltori nella catena del valore, anche combattendo le pratiche commerciali sleali.

Le proposte si fondano sul codice di buone pratiche volontario in vigore nella filiera, denominato Supply Chain Initiative (SCI). Tale codice è stato adottato nel 2013 da 7 associazioni a livello dell’UE che comprendono il settore degli alimenti e delle bevande, i fabbricanti di prodotti di marca, il commercio al dettaglio, le piccole e medie imprese e gli operatori commerciali del settore agricolo. Il codice è stato elaborato a seguito dell’iniziativa della Commissione, il forum ad alto livello per un miglior funzionamento della filiera alimentare, istituito nel 2010 per aiutare a elaborare una strategia nel settore alimentare e delle bevande e contribuire a un miglior funzionamento della filiera alimentare.

Per ulteriori informazioni

Proposta della Commissione per combattere le pratiche commerciali sleali nella filiera alimentare

MEMO: Combattere le pratiche commerciali sleali nella filiera alimentare

IP/18/2702

Contatti per la stampa:

  • Daniel ROSARIO (+ 32 2 295 61 85)
  • Clemence ROBIN (+32 2 29 52509)

Informazioni al pubblico: contattare Europe Direct telefonicamente allo 00 800 67 89 10 11o per e-mail

63 Total Views 2 Views Today