Ultim'ora

Prezzo del latte ovino, questione di lana caprina

Un accordo oggi per un preaccordo domani per poi arrivare all’accordo che porta al nuovo accordo, intanto ci saranno le elezioni. Stabilire ora se si può passare dai 60 centesimi attuali ai 72 proposti fino agli 80 motivati per poi arrivare all’euro tondo a fine stagione, sembra la storia del Pigmaglione che ammaestra e guida per arrivare al niente. Quelli del latte vaccino lo sanno bene: chiusura di stalle e passaggio di mano di fabbriche. Ora tocca ai Sardi, grande popolo non solo di pastori. Parlare solo di questi, delle loro fatiche e del loro latte sottopagato, versato per le strade di Nuoro e Orune, dimenticando il Sulcis, l’alluminio, gli obbrobri a La Maddalena, i dissesti a Olbia, i disagi di Oristano, della Carlo Felice e delle Ferrovie Regionali, le necessità idrogeologiche di Bosa, Tortoìì, Villasinius, Calangianus e Macomer, tralasciando gli adeguamenti delle aree portuali di Golfo Aranci, Cagliari e Porto Torres, il ripristino delle aree ex militari di Decimomannu e Perdasdefogu o i collegamenti con Livorno, Genova e Civittavecchia, … dimenticando tutto questo, serve solo ad accentuare la superfluità del discorrere.

289 Total Views 1 Views Today